Gestione dei foraggi

HealthyLife
Il programma per l’allevamento da latte sostenibile

Preservare il valore nutrizionale dei foraggi

HealthyLife
Il programma per l’allevamento da latte sostenibile

Preservare il valore nutrizionale dei foraggi

Le fermentazioni indesiderate riducono il valore nutrizionale del mangime e l'appetibilità della razione alimentare

I foraggi alla raccolta contengono una serie di microrganismi benefici, come i batteri lattici, e altri indesiderati, come clostridi, lieviti o muffe. La proliferazione dei microrganismi negli insilati porta inizialmente al consumo dell'ossigeno intrappolato nell'insilato, in quella che viene definita fase aerobica. Una volta consumato tutto l'ossigeno, la crescita dei batteri che in assenza di ossigeno formano il lattato comporterà l’acidificazione della massa (con diminuzione del pH < 4 per l’insilato di mais), nella cosiddetta fase anaerobica. Questa acidificazione si tradurrà nella stabilità dell'insilato.

Se l'equilibrio tra i microrganismi benefici e quelli indesiderati è sbilanciato, oppure se la quantità di ossigeno dopo la raccolta è troppo alta, questo processo di acidificazione sarà inevitabilmente rallentato. Ciò creerà condizioni favorevoli alla crescita di lieviti, batteri coliformi, clostridi e muffe. La crescita di questi microrganismi patogeni si traduce in un cattivo odore e una ridotta appetibilità dell'insilato. Ciò porterà in definitiva ad una riduzione del valore nutrizionale e, allo stesso tempo, dell'appetibilità della razione alimentare. Una fase aerobica ideale non dovrà infatti durare più di 3-5 giorni.

La contaminazione dei raccolti con i microrganismi si verifica già sul campo, ma può avvenire anche prima e durante la raccolta. La proliferazione può avvenire dopo l'insilamento, dopo l'apertura dell'insilato (principalmente sul fronte di taglio) o nell’unifeed una volta che l'insilato viene miscelato nella razione alimentare.

Mai più un "piatto caldo"!
Raffredda l'unifeed con il Selko®-TMR GP

Richiedi il miglior preventivo per 1000 kg di Selko-TMR GP e
ricevi una sonda digitale per insilato in omaggio!

This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct

*Tutti i campi sono obbligatori


È già cliente di Trouw Nutrition?

Se sì, qual è il nome del vostro rivenditore locale?

This is not correct

Grazie

Le abbiamo appena inviato un'e-mail per confermare la sua richiesta. La contatteremo entro i prossimi 5 giorni lavorativi.

Buona giornata,
il team di marketing globale di HealthyLife

Mai più un "piatto caldo"!
Raffredda l'unifeed con il Selko®-TMR GP

Richiedi il miglior preventivo per 1000 kg di Selko-TMR GP e ricevi una sonda digitale per insilato in omaggio!

This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct
This is not correct

*Tutti i campi sono obbligatori


È già cliente di Trouw Nutrition?

Se sì, qual è il nome del vostro rivenditore locale?

This is not correct

Grazie

Le abbiamo appena inviato un'e-mail per confermare la sua richiesta. La contatteremo entro i prossimi 5 giorni lavorativi.

Buona giornata,
il team di marketing globale di HealthyLife

Gestire il raccolto prima della raccolta

In caso di insilato d'erba:

  • Puntare ad una resa ottimale con un corretto tenore di zuccheri
  • Applicare quantità sufficienti di fertilizzante almeno 8 settimane prima della falciatura
  • Evitare l'applicazione superficiale di liquame entro 10 settimane dalla falciatura per ridurre il rischio di contaminazione con microrganismi indesiderati
  • Avoid that the dry matter level of grass silage is too high as a result of excessive wilting.

In caso di insilato di mais:

  • L'insilato di mais dovrà essere raccolto all’inizio della maturazione cerosa, i rischi di fermentazioni indesiderate aumentano una volta che il mais verrà trinciato eccessivamente maturo.

Ridurre la contaminazione degli insilati e la crescita di microrganismi patogeni durante la raccolta

Ci sono una serie di misure che possono essere prese al momento della raccolta:

  • Evitare il più possibile la contaminazione con il suolo, in quanto ciò può essere una fonte di batteri anaerobici (es. Clostridium spp);
  • L'insilato di mais dovrà essere raccolto all’inizio della maturazione cerosa, i rischi di fermentazioni indesiderate aumentano una volta che il mais verrà trinciato eccessivamente maturo;
  • Evitare che la sostanza secca del trinciato alla raccolta sia superiore al 32-35%, in tal caso sarà necessaria una lunghezza di trinciatura minore (0,80-0,95cm) che renderà più facile escludere l'ossigeno una volta che verrà realizzata e pressata la trincea.

Riempire correttamente la trincea ridurrà la crescita di microrganismi aerobici e garantirà la successiva stabilità dell'insilato:

  • Assicurarsi che lo spazio di stoccaggio dell’insilato sia pulito, che la superficie sia liscia e che la massa non superi in altezza le pareti della trincea;
  • Organizzare la raccolta in modo tale da evitare il riempimento ritardato della trincea, diminuendo il tempo totale di esposizione all’ossigeno;
  • Adattare il peso del trattore e la velocità di raccolta per garantire una buona compattazione, la densità ottimale di un insilato è di circa 240 kg di SS / m³.

Ridurre la crescita indesiderata di microrganismi durante lo stoccaggio nel silo

Dopo che il trinciato di mais è stato raccolto, ci sono due cose che possono essere fatte per mantenere la qualità dell'insilato mentre è nella trincea. In primo luogo, ridurre il più possibile l'esposizione all'ossigeno. In secondo luogo, stimolare la crescita di batteri benefici che producono acido lattico:

  • Assicurarsi che il silo sia sigillato correttamente e il più rapidamente possibile. Utilizzare plastica di almeno 125 micron, coprire con terra o ghiaia e considerare il rivestimento in plastica delle pareti laterali del silo.
  • Usare le protezioni laterali.
  • Mantenere la chiusura ermetica riparando eventuali danni causati da uccelli o roditori.
  • Utilizzare silos lunghi e stretti invece di quelli corti e larghi, in quanto ciò consentirà una migliore dissipazione del calore della massa ed un più rapido consumo della trincea una volta aperto l'insilato. Il fronte dell’insilato dovrebbe infatti essere rinnovato di almeno 10 cm/giorno durante l’inverno e di 30 cm/giorno in tarda primavera ed estate.
  • Considerare l'uso di additivi, un acidificante con acidi organici a corta e media catena, alla raccolta. Gli acidi organici agiranno sia creando le condizioni sfavorevoli per la replicazione di lieviti, muffe e batteri e sia eliminando direttamente questi patogeni, affinché la massa possa preservarsi nel migliore dei modi.

Calcola il tuo ritorno sull’investimento!
Scopri come un allevamento da latte sostenibile possa migliorare la tua redditività

Contrariamente alla credenza comune, è più che possibile gestire un allevamento in modo sostenibile e allo stesso tempo generare maggior reddito.

Calcola il ritorno dell’investimento agendo sui 4 indicatori chiave dello stato di salute della vacca che influenzano la sua carriera produttiva in allevamento (LDY).

Vai al calcolatore

Calcola il tuo ritorno sull’investimento!
Scopri come un allevamento da latte sostenibile possa migliorare la tua redditività

Contrariamente alla credenza comune, è più che possibile gestire un allevamento in modo sostenibile e allo stesso tempo generare maggior reddito.

Calcola il ritorno dell’investimento agendo sui 4 indicatori chiave dello stato di salute della vacca che influenzano la sua carriera produttiva in allevamento (LDY).

Vai al calcolatore

Gestione degli insilati nell’alimentazione delle vacche da latte

L'assunzione di livelli sufficienti di fibre è essenziale per mantenere il rumine sano e i costi dei cereali, dei mangimi concentrati e composti sono da più di un anno in aumento in tutto il mondo, quindi i costi totali di alimentazione delle vacche da latte possono e devono essere ottimizzati gestendo al meglio la quantità di foraggi (fieni e insilati) nella razione.

La formulazione di una razione ottimale inizia con l'analisi di tutti gli insilati disponibili in azienda. I risultati delle analisi non solo contribuiranno a formulare correttamente la razione, ma saranno anche un buon riflesso di quanto sia stata buona la gestione dei foraggi e degli insilati.

Una volta che l'insilato viene aperto ed aggiunto nell’unifeed si verificherà l'esposizione all'ossigeno e, di conseguenza, i microrganismi potranno tornare ad essere attivi e replicarsi.

La crescita di microrganismi nel fronte della trincea dell’insilato e nell’unifeed può essere ridotta con le seguenti precauzioni:

  • Fresare l'insilato in modo tale che il fronte rimanga liscio e che sia minore una minor superfice esposta all’aria, consentendo una minore penetrazione dell'aria;
  • Trattare la superficie di taglio con Selko-TMR GP per rallentare i processi fermentativi. Nebulizzare 0,25 litri di Selko-TMR GP per metro quadrato di superficie del fronte;
  • La crescita di microrganismi, in particolare muffe, può verificarsi nello strato superiore e nei lati laterali dell'insilato. Nebulizzare 1 litro di Selko-TMR GP per metro quadrato sullo strato superiore e sui lati dell'insilato.
  • Alimentare gli animali due volte al giorno, realizzando due carri miscelatori a distanza di 8-10 ore, per ridurre il periodo di tempo in cui l’unifeed viene esposto all'ossigeno;
  • Mescolare Selko-TMR GP nella razione per ridurre la crescita di microrganismi una volta che l'insilato viene miscelato nell’unifeed.

Da una transizione corretta ad una sana lattazione

Le prestazioni di una vacca da latte durante la fase di lattazione sono fortemente influenzate dal periodo di asciutta e dalla fase di transizione. Una volta che una vacca raggiunge i 30 giorni di lattazione, è molto difficile riuscire a migliorare le sue prestazioni. Lo strumento più importante rimasto, a questo punto, è la qualità dell’alimento che le viene fornito. La gestione dell'insilato prima e durante la raccolta, nel periodo di conservazione e in quello di alimentazione, può avere un enorme impatto sulla qualità dell’unifeed somministrato agli animali. Un'eccellente gestione degli insilati può massimizzare la redditività a livello aziendale e aumentare la sostenibilità in allevamento.

Preserva il valore della razione alimentare

Selko-TMR è una miscela di acidi organici che riduce la crescita di lieviti, muffe, Enterobacteriaceae e Salmonella negli insilati delle vacche da latte. La riduzione della crescita dei microrganismi ritarda l'aumento della temperatura del TMR per almeno 6 ore. Gli insilati trattati con Selko-TMR mantengono il loro valore nutritivo e la loro appetibilità, con conseguente maggiore assunzione di materia secca.

Scaricate la brochure del prodotto per sapere come Selko-TMR aiuta a preservare il valore del vostro alimentazione.

####Registrati e scarica gli approfondimenti di tuo interesse
Puoi accedere a tutta la nostra documentazione scientifica che sta alla base delle piattaforme HealthyLife e LifeStart, il materiale tecnico informativo sulle varie patologie delle vacche da latte, le schede tecniche dei prodotti e i protocolli di alimentazione.

This is not correct
This field is required
This is not correct
This is not correct.
This is not correct
Grazie per l'interesse dimostrato nei confronti di Selko HealthyLife

Le abbiamo appena inviato un'e-mail. Segui le istruzioni contenute in questa e-mail per completare il download. Si noti che in alcuni casi i filtri antispam possono bloccare le e-mail automatiche. Se non trovate l'e-mail nella vostra casella di posta, controllate la cartella della posta indesiderata.

Buona giornata!

Selko-TMR è una miscela di acidi organici che riduce la crescita di lieviti, muffe, Enterobacteriaceae e Salmonella negli insilati delle vacche da latte. La riduzione della crescita dei microrganismi ritarda l'aumento della temperatura del TMR per almeno 6 ore. Gli insilati trattati con Selko-TMR mantengono il loro valore nutritivo e la loro appetibilità, con conseguente maggiore assunzione di materia secca.

Scaricate la brochure del prodotto per sapere come Selko-TMR aiuta a preservare il valore del vostro alimentazione.

Visita il nostro download center per ulteriori informazioni

Vai al download center