GESTIONE DEGLI OLIGOELEMENTI

HealthyLife
Il programma per l'allevamento da latte sostenibile

Per ogni oligoelemento c’è un livello ottimale

HealthyLife
Il programma per l'allevamento da latte sostenibile

Per ogni oligoelemento c’è un livello ottimale

La nutrizione minerale di precisione consente di fornire alle vacche da latte ad alta produzione un apporto ottimale di minerali essenziali per mantenere buoni parametri di salute e di produttività.

Sia il livello dei singoli oligoelementi della razione che la loro forma sono essenziali per raggiungere questo obiettivo. Somministrare troppo o troppo poco di un oligoelemento essenziale può avere un impatto negativo sul benessere e sulla produttività delle vacche (vedi figura 1). Dato che gli oligoelementi inorganici sono relativamente economici, la sovra-integrazione è relativamente comune nelle vacche da latte, portando potenzialmente a problemi di salute e longevità a lungo termine.

*Figura 1: Integrazione di oligoelementi e prestazioni degli animali. La regolazione fisiologica dell'assorbimento dei metalli mostra che la nutrizione con oligoelementi non è lineare.

La fonte di oligoelementi può avere un impatto importante sulla biodisponibilità ma anche sul rischio di effetti indesiderati.

Figure 2: Ricerca di fonti di oligoelementi di qualità superiore da oltre un secolo

Venti anni di ricerca universitaria indipendente hanno dimostrato che fonti migliorate di oligoelementi come proteinati, complessi e chelati, e ora idrossilati possono avere un impatto positivo sul raggiungimento di un livello ottimale di produttività e salute della vacca, riducendo al minimo qualsiasi impatto negativo sull'ambiente (vedi figura 2).

La fonte di oligoelementi che viene utilizzata per soddisfare il fabbisogno di oligoelemento della vacca può avere un impatto importante sulla biodisponibilità, ma anche sul rischio di effetti indesiderati. Le forme idrossilate di oligoelementi sono insolubili a un pH di 4 o superiore. Il pH del rumine dovrebbe essere compreso tra 6 e 6,5, quindi i cristalli di oligoelementi idrossilati sono essenzialmente insolubili all'interno del rumine, mantenendo così una funzione rumine ottimale. Nell’abomaso dove il pH è tra 2 e 3, i cristalli si dissociano strato per strato, portando ad un rilascio graduale dello ione del metallo nel duodeno. Con il risultato che la biodisponibilità del metallo da idrossilati è alta, ma il picco di concentrazione nel digestato rimane sempre bassa.

HealthyLife | condividere le intuizioni scientifiche

La digeribilità del mangime ha un grande impatto sull'efficienza alimentare

La gestione degli oligoelementi può migliorare significativamente la digeribilità delle fibre nella dieta.

Per saperne di più sull'aumento della digeribilità delle fibre attraverso la gestione dei minerali in tracce, vedi 'Migliorare la digeribilità di NDF con i minerali in tracce idrossi'.

Leggi di più

HealthyLife | sharing scientific insights

Digestibility of the feed has a big impact on feed efficiency

Trace mineral management can improve fibre digestibility of the diet significantly.

Learn more about increasing fibre digestibility through trace mineral management on 'Improving NDF digestibility with hydroxy trace minerals'.

Approfondisci

Al contrario, i sali di solfato sono altamente solubili a pH neutro, risultando in alte concentrazioni di picco di ioni metallo liberi nel rumine. Ciò produce una serie di effetti negativi:

  • Alti livelli di ioni liberi hanno un effetto antimicrobico nel rumine, che può causare una cattiva digestione delle fibre102
  • Gli ioni metallo liberi sono in grado di legarsi con gli antagonisti per formare complessi insolubili, con conseguente perdita di valore nutritivo e scarsa biodisponibilità

Somministrando la corretta fonte e il livello di oligoelementi, si può evitare un impatto negativo su:

  • Stabilità dei nutrienti essenziali contenuti nel mangime
  • Funzione ruminale, fisiologia, riproduzione e longevità della vacca, considerato che:
  • il mantenimento di un livello ottimizzato di digeribilità delle fibre nel rumine è essenziale per ottenere una maggiore assunzione di sostanza secca, la massima efficienza del foraggio e la salute del rumine
  • un migliore utilizzo degli ingredienti della razione essenziale da parte della mucca. Ottieni di più dalle tue razioni, riducendo al minimo il legame dei nutrienti essenziali con ioni metallici altamente reattivi e liberi che sottraggono valore nutritivo dalle tue razioni
  • Conformità ambientale

Obiettivi per la integrazione con oligoelementi della razione della vacca da latte

Un primo passo è quello di determinare la corretta integrazione di oligoelementi da aggiungere ai livelli di oligoelementi già apportati dagli ingredienti della razione basale per soddisfare il fabbisogno totale della vacca. Successivamente selezionare il livello corretto e la fonte di oligoelementi. Ciò comporterà che i bovini da latte ricevano un livello costante di oligoelementi necessari per sostenere un benessere e una produttività ottimali. Sono cinque gli obiettivi da considerare nella scelta della fonte di oligoelementi.

Obiettivo 1: massimizzare la stabilità di molti nutrienti chiave contenuti nell'integratore

Le forme reattive di oligoelementi, quali i solfati, possono avere un significativo impatto negativo sulla stabilità e la biodisponibilità di altri nutrienti essenziali (vitamine, grassi, probiotici, prebiotici, aminoacidi) contenuti nell'integratore. I solfati sono comunemente indicati come pro-ossidanti, il che significa semplicemente che reagiranno con altre molecole instabili presenti nel mangime. Il rame e/o lo zinco possono accelerare rapidamente l'ossidazione delle fonti di grasso non protette nel mangime, influenzando negativamente il valore del grasso e di diverse vitamine liposolubili. Se il mangime viene pellettato, l'umidità presente nel processo di pellettizzazione può ionizzare i metalli, permettendo loro di funzionare come agenti antimicrobici contro i costosi probiotici che possono essere stati aggiunti al mangime. Le fonti di oligoelementi idrossilate non hanno nessuno di questi effetti negativi sulla disponibilità dei nutrienti essenziali presenti nel mangime.

Obiettivo 2: mantenere un alto livello di efficienza del rumine

Gli oligoelementi solfato sono altamente solubili nel rumine, portando ad alti livelli di metalli reattivi che hanno un impatto negativo sulla funzione del rumine. Sebbene queste caratteristiche possano essere utili quando si utilizzano rame e/o solfato di zinco in un lavaggio podale, diventano invece problematiche se utilizzate per fornire oligoelementi essenziali all'animale. Le fonti reattive di oligominerali hanno un impatto negativo sulla microflora ruminale, riducendo significativamente la digeribilità dell'NDF nel rumine. Uno studio indipendente105 ha dimostrato che la sostituzione completa dei solfati con idrossilati ha eliminato questa risposta negativa, determinando un miglioramento medio di 3 punti della digeribilità dell'NDF. Un recente riepilogo quantitativo102 che ha valutato 11 confronti indipendenti ha rilevato che l'integrazione con solfato di rame e zinco ha avuto un impatto negativo statisticamente significativo sulla digeribilità dell'NDF nelle vacche da latte in lattazione, con un calo di 1,7 punti di digeribilità NDF. Una ricerca universitaria ha dimostrato che ogni punto di differenza di NDF può rappresentare da 0,25 a 0,3 kg di produzione giornaliera di latte103.

Obiettivo 3: Miglioramento della funzione di barriera intestinale

Lavori più recenti[106] mostrano che la maggiore biodisponibilità dello zinco derivante dall'alimentazione della forma idrossilata ha un effetto positivo sul sistema immunitario e sull'integrità del tessuto della parete intestinale. Ciò migliora la funzione di barriera intestinale, riducendo il rischio di "perdite intestinali" e di infiammazione sistemica nelle vacche da latte durante i periodi di stress.

Obiettivo 4: Nessuna perdita di nutrienti a causa di inutili legami nel rumine e nel tratto gastro-intestinale

Oligominerali altamente solubili come i solfati possono ridurre significativamente la quantità di oligoelementi e altri nutrienti essenziali disponibili per l'assorbimento nel tratto intestinale. Gli oligoelementi solfato in presenza di umidità, si dissociano rapidamente rilasciando i loro ioni all'interno del rumine. Ciò consente allo ione di formare un complesso non disponibile con molti nutrienti essenziali come fitati, altri oligoelementi e macro minerali, ossalati, aminoacidi, formando nuovi complessi che non hanno più alcun valore per l'animale. Gli oligo idrossilati invece bypassano questi effetti negativi nel rumine. Ciò si traduce in oligo più biologicamente disponibili che arrivano nel tratto intestinale per l'assorbimento, senza influire sulla disponibilità di altri nutrienti essenziali nella razione.

Obiettivo 5: minimo impatto sull'ambiente

Qualsiasi fonte minerale somministrata e non assorbita dall'animale finirà nell'ambiente. Questo risultato non si limita agli oligominerali stessi, ma anche ai nutrienti e agli additivi essenziali con cui si è legato lo ione metallico, come fosforo, fitati, leganti di micotossine, ecc. Le fonti di oligoelementi idrossilati possono ridurre significativamente la quantità di complessi metallici che vengono espulsi nell'ambiente migliorando l'assorbimento dei metalli essenziali e di altri nutrienti essenziali della razione.

Per ogni oligoelemento c'è un livello ottimale

L’integrazione oligominerale nelle bovine da latte è una componente essenziale di qualsiasi programma Healthy Life, dato il suo coinvolgimento in centinaia di processi fisiologici che riguardano il mantenimento, la riproduzione, la risposta immunitaria, la produzione di latte, la crescita e l'integrità strutturale. Le nostre raccomandazioni relative all'integrazione in oligoelementi delle vacche da latte sono progettate per garantire che i vostri animali ricevano il livello e la fonte corretti di oligoelementi per guidare la redditività e il benessere della vacca ottimizzati per tutta la loro vita.

####Registrati e scarica tutto quello che ti serve
Puoi accedere a tutta la nostra documentazione sui protocolli HealthyLife, sull'allevamento sostenibile di mucche da latte e sulle ultime ricerche sulla gestione della transizione delle mucche da latte, sulla salute e la fertilità e sulla performance del latte.

This is not correct
This field is required
This is not correct
This is not correct.
This is not correct
Grazie per l'interesse dimostrato nei confronti di Selko HealthyLife

Le abbiamo appena inviato un'e-mail. Segui le istruzioni contenute in questa e-mail per completare il download. Si noti che in alcuni casi i filtri antispam possono bloccare le e-mail automatiche. Se non trovate l'e-mail nella vostra casella di posta, controllate la cartella della posta indesiderata.

Buona giornata!

L’integrazione oligominerale nelle bovine da latte è una componente essenziale di qualsiasi programma Healthy Life, dato il suo coinvolgimento in centinaia di processi fisiologici che riguardano il mantenimento, la riproduzione, la risposta immunitaria, la produzione di latte, la crescita e l'integrità strutturale. Le nostre raccomandazioni relative all'integrazione in oligoelementi delle vacche da latte sono progettate per garantire che i vostri animali ricevano il livello e la fonte corretti di oligoelementi per guidare la redditività e il benessere della vacca ottimizzati per tutta la loro vita.

Oppure visita il nostro Download Center per ulteriori informazioni

Vai al Download Center

Articoli correlati per saperne di più sulle prestazioni
delle vacche da latte